lunedì 26 giugno 2006

26 - fatti

Non esistono fatti, non esistono eventi, ma un solo grande fatto, un solo grande evento, che la nostra insicurezza smembra, che la nostra boria seziona. Quando un accadere inizia, quando finisce? Siamo noi a delimitare, a porre confini, a isolare; ma non c'è che Uno. Il plurale è un feticcio, un'allucinazione.
Una storia unica unisce le stelle e gli insetti. Un destino comune, senza ragioni, senza scopi, senza direzioni, senza aggettivi.
Senza giudizi.

Nessun commento: