venerdì 17 novembre 2006

48 - forme dell'imperfezione

Che importa averla fatta finita con tutto e tutti, se si ha ancora a che fare con se stessi?
Che importa negare, negare e ancora negare, fino alla consunzione?
Partecipare ai propri no è idealismo, seppur negativo. Credere alle proprie perplessità testimonia l'ossessione per la verità.
Bisognerebbe farla finita con l'io, con questo e quello, con il sì e con il no.
Chi afferma ciancia. Chi nega ciancia. Interrogarsi è già essere spacciati.

Nessun commento: