venerdì 16 marzo 2007

62 - circolo del pensiero

"Non c'è ricerca filosofica o scientifica, non c'è pensiero di nessuna sorta senza la fede del pensiero in se stesso, o nel proprio valore, senza il convincimento spontaneo e incrollabile di pensare la verità. Lo scettico, che crede di tagliare alla radice questa fede, quando sospende l'assenso, come il solo partito ragionevole che resti al suo pensiero, si ferma nella certezza inconcussa di questa ragionevolezza della sua sospensione, e vive, poiché continua pensare, della fede in questo suo ritroso e vuoto pensiero. Il fatto del pensare, e però della filosofia, quale che sia la soluzione a cui si indirizzi, presuppone questa affermazione della verità del pensiero nel pensare quello che pensa attualmente."

(Giovanni Gentile - L'atto del pensare come atto puro)