venerdì 4 maggio 2007

63 - Santideva



"Eri chiaramente terrificato quando hai visto qualche cadavere nel cimitero. Eppure ti rallegri nel tuo villaggio, che è un cimitero affollato di cadaveri in movimento" (Bodhicaryavatara 8, 70)

"Comprendi che una fortuna è un'infinita sfortuna per quanto riguarda il guadagnarla e proteggerla e per l'infelicità della sua perdita. Nella loro condizione distratta, coloro che concentrano i loro pensieri sulla ricchezza non hanno nesuna possibilità di liberarsi dalla sofferenza dell'esistenza"

(Bodhicaryavatara 8, 79)

1 commento:

Catastrofe ha detto...

L'idea di un blog del genere mi fa stare meglio con me stesso. Chiaramente non ho lettto tutti i post, ma il fatto che mentre ne leggevo alcuni non provassi un senso di colpa da voyeurismo di serie B era già un buon segno.
Molto postmoderno, qualsiasi cosa significhi.