giovedì 6 gennaio 2011

191 - saggio accettare


“Quando gli fu annunciato che era stato condannato e che i suoi figli erano morti, intorno alla sua condanna disse: «Da tempo la natura ha condannato alla morte i miei giudici e me stesso»; intorno alla morte dei figli disse: «Sapevo di averli generati mortali»”

    (su Anassagora, in Diogene Laerzio "Vite dei filosofi")

Nessun commento: