venerdì 27 maggio 2011

197 - la condizione umana


Non ci sono buoni selvaggi né moderni inciviliti: ci sono uomini. Occorre soltanto calcolare il gradiente di sofferenza e infelicità che introducono nel mondo.

Nessun commento: